Hai domande o hai bisogno d'aiuto? 800.837.777 info@rendimentoetico.it
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
notifiche
Dove conviene di più investire in immobili nel 2023?

Investimenti immobiliari in Italia nel 2023: le zone più attrattive

Come valutare un progetto immobiliare

Gli investimenti immobiliari attirano da sempre molto interesse, in particolare perché considerati a basso rischio a fronte però di un rendimento più che soddisfacente. Nel corso degli ultimi anni, complici i tassi di interesse vicini allo zero, si sono fatti ancora più allettanti, soprattutto se confrontati con il bassissimo rendimento degli investimenti obbligazionari e la costante incertezza constatata sui mercati azionari.

Nonostante gli aumenti dei tassi introdotti ultimamente dalla Banca centrale europea, gli immobili continuano a risultare attrattivi rispetto alla maggior parte delle altre tipologie di investimento. Nel post di oggi parleremo delle zone che risultano più interessanti per investire in immobili, quali aspetti occorre considerare prima di implementare un progetto immobiliare e anche di come beneficiare dei vantaggi che offre questo mercato pur non disponendo di grandi capitali.

Come identificare le zone più attrattive per un investimento immobiliare


Investire nell’immobiliare, sì, ma dove? Vediamo innanzitutto da cosa dipende l’attrattività di una zona.

Da un punto di vista immobiliare, è attrattiva una zona in cui la domanda supera l’offerta, ovvero in cui il numero di potenziali acquirenti supera quello di immobili in vendita. In questo modo, si crea una pressione al rialzo sui prezzi e anche sul valore aggiunto apportato dalle opere di ristrutturazione. Questo in sostanza significa che, anche se tra acquisto e rivendita dell’immobile non trascorre molto tempo, gli interventi di ristrutturazione consentono di ricavare un margine mediamente più elevato rispetto a una zona meno attraente.

Un altro aspetto che definisce l’attrattività di una zona prende in considerazione la tempistica media di vendita. È infatti praticamente scontato che, se la domanda di immobili supera l’offerta, le vendite tenderanno a concludersi in tempi brevi, al di sotto della media nazionale.

Com’è noto, le zone più attrattive sono tradizionalmente costituite dai grandi centri urbani, in particolare dalle aree centrali e dai quartieri residenziali esclusivi. A queste si aggiungono senz’altro quelle ad alto potenziale turistico, in primis località balneari, città d’arte e, in generale, tutti i luoghi noti per le loro bellezze naturali e architettoniche.

Vale la pena di investire solo nelle zone più attrattive?


Quelle a cui abbiamo accennato nel paragrafo precedente sono le zone che vengono generalmente considerate come le più attrattive. Tuttavia, se vogliamo trovare delle buone opportunità sul mercato immobiliare, non dobbiamo per forza limitarci a queste. Anche perché, se adotti un orizzonte temporale di breve termine, avrai sì l’opportunità di vendere a un prezzo elevato, ma d’altra parte anche tu avrai pur sempre acquistato l’immobile a un prezzo comunque alto. Restano i vantaggi dati dal valore aggiunto portato dalla ristrutturazione e dalle tempistiche di vendita e non stiamo assolutamente dicendo che tu debba scartare queste zone. Noi stessi abbiamo promosso delle ottime opportunità immobiliari nelle principali città italiane e in alcune località balneari.

Semplicemente, secondo noi vale la pena di considerare anche altre opportunità, il cui potenziale è magari più difficile da riconoscere a prima vista.

Come valutare un progetto immobiliare


Fare un investimento immobiliare nelle zone in cui la domanda è più elevata che altrove ha indubbiamente i suoi vantaggi. Costituisce una certezza in più, soprattutto nei periodi come quello attuale, in cui l’accesso alla proprietà è più limitato a causa del recente aumento dei tassi di interesse.

Ciò premesso, c’è però da dire che molto dipende anche dai punti di forza di ogni singolo progetto immobiliare e da come questo si situa nel suo mercato di riferimento.

Un’operazione ben concepita, fondata su un business plan solido in cui sono stati valutati tutti gli aspetti di cui occorre tenere conto, dalla fattibilità alla sostenibilità finanziaria, ha ottime probabilità di concludersi con successo anche se l’immobile in questione è situato in una zona che non è tra le più gettonate.

La cosa davvero importante è studiare a fondo il mercato di riferimento, comprendere com’è strutturata la domanda in modo da offrire un immobile che sia in linea con le aspettative e i desideri degli acquirenti della zona.

Il secondo aspetto da considerare è senza dubbio quello che riguarda la sostenibilità finanziaria. Devi assicurarti che il prezzo d’acquisto e i costi di ristrutturazione previsti ti permettano poi di mettere in vendita l’immobile a un prezzo attrattivo, assicurandoti al contempo un certo margine di guadagno.

È possibile investire in immobili con pochi soldi?


Veniamo ora a una delle fatidiche domande che in molti si pongono riguardo agli investimenti immobiliari. Esiste un modo per investire in immobili anche se non si hanno molti soldi a disposizione? Generalmente, gli investimenti immobiliari tradizionali richiedono grandi capitali: per acquistare un immobile, ristrutturarlo e poi rivenderlo sul mercato occorre disporre di parecchio denaro. E questo vale anche quando ci si rivolge a un istituto di credito per ottenere un prestito, perché occorre comunque fornire delle garanzie.

C’è però anche un altro modo per beneficiare dei vantaggi offerti dagli investimenti immobiliari che non richiede grandi capitali né di essere coinvolti in prima persona nell’implementazione dei progetti. Stiamo parlando del crowdfunding, un innovativo sistema che consente praticamente a chiunque di partecipare al finanziamento di operazioni immobiliari promosse e gestite da professionisti di questo settore.

Il vantaggio del crowdfunding sta proprio nel fatto che, coinvolgendo un’ampia base di finanziatori, ognuno può contribuire al finanziamento di un’operazione nella misura in cui può e vuole farlo, ricevendo in cambio un rendimento. Il tutto avviene tramite delle specifiche piattaforme che operano direttamente online in modo semplice, rapido e intuitivo.

Per finanziare un’operazione immobiliare attraverso il crowdfunding, non devi fare altro che creare il tuo profilo su una piattaforma a tua scelta, caricare il tuo conto dell’importo desiderato, selezionare le operazioni e contribuire a finanziarle con un semplice click!

Entra anche tu nella comunità di Rendimento Etico!


Rendimento Etico è la piattaforma di lending crowdfunding immobiliare prima in Italia per ammontare di fondi raccolti. Da quando è nata nel 2019, ha contribuito al finanziamento di più di 200 operazioni immobiliari per un totale di 69 milioni di euro. E la cosa più bella è che, facendo tutto questo, abbiamo anche aiutato tante persone che rischiavano di perdere la casa all’asta a risolvere una volta per tutte il problema del debito!

Vorresti far parte anche tu di questa realtà? Vai sulla pagina di registrazione ed entra nella nostra comunità di finanziatori! Potrai iscriverti in pochi click, selezionare le operazioni che preferisci e contribuire a finanziarle con l’importo che desideri ricevendo in cambio un rendimento più che interessante.


accantonare piccole somme

accesso al credito

affidabilità piattaforme di crowdfunding

affitto immobili

alfabetizzazione finanziaria

andamento mercato immobiliare

andamento Rendimento Etico

asset allocation

asset class

aste immobiliari

attori crowdfunding immobiliare

attori crowdfunding immobiliare

azioni

beni rifugio

bias

bias cognitivi

bilancio 2022

boom immobiliare

campagna crowdfunding

canali alternativi di finanziamento

combattere l'inflazione

come funziona Rendimento Etico

compravendita immobiliare

conto corrente

crescita crowdfunding immobiliare

crescita immobiliare

crisi mercato immobiliare

crowdfunding

crowdfunding e aste immobiliari

crowdfunding etico

crowdfunding immobiliare

crowdfunding immobiliare rischi

crowdfunding nel 2020

crowdfunding nel mondo

crowdfunding-e-aste-immobiliari

crowfunding 2021

cultura e risparmio

debiti buoni

debiti cattivi

direttiva UE case green

diventare investitori

diversificazione portafoglio

donation crowdfunding

donation crowdfunding

donne e investimenti

durata operazioni crowdfunding

educazione finanziaria

effetto ancoraggio

effetto gregge

efficienza energetica

equity crowdfunding

errori negli investimenti

euristiche finanza comportamentale

fake news

finanza alternativa

finanza comportamentale

finanze personali

finanziamento

finanziare un crowdfunding immobiliare

finanziatori

fintech

fintech in italia

fondi immobiliari

fondo di emergenza

gestione del rischio

gestione efficace del denaro

gestione risparmi

giovani e investimenti

guadagni investimenti immobiliari

guadagni-crowdfunding-immobiliare

home bias

illusione del controllo

imposte

inclusione finanziaria

inflazione

influenza culturale nelle scelte finanziarie

iniziare ad investire

innovazioni mercato immobiliare

instant buying immobiliare

interesse a prescindere

interesse composto

investimenti

investimenti aggressivi

investimenti alternativi

investimenti conservativi

investimenti etici immobiliari

investimenti finanziari

investimenti immobiliari

investimenti moderati

investimenti tradizionali

investimento etico

investimento in oro

investimento nel mattone

investire

investire con consapevolezza

investire con successo

investire da giovani

investire in economia reale

investire nell'immobiliare nel post covid-19

investire piccole somme di denaro

investire-nel-crowdfunding-immobiliare

l'emotività negli investimenti

la pazienza negli investimenti

lancio campagna crowdfunding

lending crowdfunding

lending crowdfunding immobiliare

machine learning

macroeconomia

mental accounting

mercato immobiliare

mercato immobiliare 2022

mercato immobiliare 2023

micro investimenti

micro prestiti

microcredito

nascita del crowdfunding

normativa crowdfunding

normativa equity crowdfunding

normativa lending crowdfunding

NPL immobiliari

nuovo regolamento europeo crowdfunding 2020

obbligazioni

obiettivi di investimento

obiettivi finanziari

operatori immobiliari

operazioni di crowdfunding immobiliare

opinioni Rendimento Etico

opportunità immobiliare

origini del crowdfunding

orizzonte temporale investimenti

overconfidence

p2p lending

personalità finanziarie

pianificazione finanziaria

piattaforme di crowdfunding

piattaforme di crowdfunding immobiliare

piccoli risparmiatori

portafoglio equilibrato

portafoglio finanziario

prestatore

prestiti tra privati

prestito

previsioni mercato immobiliare 2023

profilo investitore

profitti operazioni immobiliari

propensione al rischio

proptech

protezione risparmi

relazione tra rischio e rendimento

rendimento crowdfunding immobiliare

rendimento investimento

rendimento medio annuo

resilienza finanziaria

reward crowdfunding

reward crowdfunding

rischi-crowdfunding-immobiliare

rischio investimento

ristrutturato green

servizi finanziari

sharing economy

statistiche crowdfunding italia

tassazione crowdfunding

tassi di interesse

tecnofinanza

tipi di investitori comportamentali

truffe finanziarie

truffe online crowdfunding

usura

valutare operazioni di crowdfunding

vantaggi crowdfunding

vantaggi Rendimento Etico

warren buffett

Guadagna con le case aiutando

ISCRIVITI ADESSO E PARTECIPA NELLE NUOVE OPPORTUNITA' IMMOBILIARI

entra nella community