Hai domande o hai bisogno d'aiuto? 800.837.777 info@rendimentoetico.it
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
notifiche
Definizione di Crowdfunding

Che cos’è il Crowdfunding

Definizione, origini e diffusione

Il termine crowdfunding, prettamente di origine anglosassone, è composto, dalla combinazione di 2 termini diversi crowd (folla) e funding (finanziamento) e significa letteralmente “finanziamento dalla folla”

In particolare, questa pratica di finanziamento alternativo rappresenta una forma di  sharing economy, che per funzionare necessita di uno strumento potente come il web. Attraverso il web, infatti, le idee, le informazioni e le occasioni di incontro si  moltiplicano, offrendo quindi la possibilità a chiunque di collaborare alla raccolta dei fondi e di partecipare al finanziamento di progetti di varia natura, tramite l’ausilio di specifiche piattaforme dedicate.

Tuttavia, ai sensi dell’art. 3 della direttiva MiFID Direttiva dell'Unione Europea 2004/39/CE, l’attività di gestione di tali piattaforme o portali può essere svolta non solo dalle banche e da tutti i soggetti “gestori di diritto”, ma anche da altri soggetti sottoposti ad autorizzazione e vigilanza della Consob, i cosiddetti “soggetti autorizzati”, i quali devono essere iscritti nell’apposito registro tenuto dalla Consob.


Crowdfunding: origini e diffusione 

Le origini del crowdfunding non sono recenti, come forse si potrebbe pensare in relazione alla sua attuale diffusione in Italia e nel mondo. Bisogna, al contrario, tornare indietro di un bel po’ di secoli, precisamente al 1700, per risalire alla nascita della prima vera e propria forma di microfinanza. Stiamo parlando dell’Irish Loan Fund di Jonathan Swift, un fondo ideato per sostenere le persone che vivevano in stato di povertà grazie all’istituzione di piccole società di microcredito.  Più tardi invece, nel 1885 saranno gli americani a chiedere, grazie all’opera informativa del giornalista Joseph Pulitzer, alla folla di finanziare la realizzazione del grande piedistallo che ospiterà più in là la famosa Statua della Libertà.

Tuttavia, con il passare del tempo, la svolta decisiva avvenuta in questo campo, è stata ottenuta grazie all’avvento della società digitale, e dunque del web, che ha aumentato nei fatti le possibilità di connessione da parte di tutti gli utenti e la costituzione di comunità indistinte pronte ad attivarsi, anche con piccoli contributi, per sostenere progetti di diversa entità. Ad esempio, fu proprio nel 1997 che la band rock Marillion riuscì a raccogliere online 60.000 dollari per finanziare il suo tour in Nord America, grazie al suo vasto popolo di fan, dimostrando quindi come il crowdfunding potesse essere una forma di microfinanziamento degna di nota. 

Ma per parlare di crowdfunding, nell’accezione più moderna, bisognerà arrivare al 2006. È in quest’anno, infatti, che Michael Sullivan si fa portavoce di questo concetto innovatore fondando il progetto Fundavlog, ovvero un portale che raccoglieva eventi e progetti legati al video blogging in cui era prevista la possibilità di fare donazioni da parte della folla (di utenti).  Le sue parole sulla coniatura del nuovo termine furono le seguenti: 

«Ma ho anche deciso che un’altra [rispetto al termine crowdsourcing, ndr] parola simile può essere usata per spiegare le idee generali che sono presentate qui. E credo che il termine sia “Crowdfunding”. Il denaro è la radice. Il denaro fa crescere, inspira e dà luogo a buoni contenuti. Il denaro offre opportunità nuove o rinnovate».

Per arrivare a parlare di diffusione globale, invece, dobbiamo attendere il 2009, anno in cui viene lanciata da Perry Chen, Yancey Strickler e Charles Adle la piattaforma statunitense Kickstarter, basata sul modello reward-based, che prevede una “ricompensa materiale” a chiunque effettui donazioni a supporto di progetti prevalentemente di natura ludico-creativa. Da questo momento in poi il crowdfunding comincerà ad affermarsi su larga scala in tutti i più disparati settori, uno fra tanti quello immobiliare.


 

Il crowdfunding immobiliare tra Lending e Equity 

Il crowdfunding immobiliare consiste in una modalità di microfinanziamento dal basso, destinata alla realizzazione di progetti immobiliari proposti da società o singoli individui. La raccolta dei fondi avviene attraverso piattaforme web specializzate che mettono in contatto domanda e offerta. 

Il primo Paese a mostrare un forte crescita delle piattaforme immobiliari sono stati gli Stati Uniti. Si pensi, ad esempio, alle piattaforme più importanti come la Peer Street o la Real Crowd, attraverso cui gli immobili vengono acquistati con piccoli finanziamenti e poi rivenduti a prezzi maggiori rispetto al loro valore d’acquisto. 
Inoltre, quando parliamo di crowdfunding immobiliare dobbiamo far riferimento a due principali modelli di crowdfunding: il Lending e l’Equity. 

Nel caso del Lending gli investitori mettono a disposizione il proprio denaro per finanziare il progetto ottenendo il percepimento di un interesse sulla somma investita insieme alla restituzione del capitale stesso nel momento in cui l’immobile verrà venduto. 

D'altra parte nel caso dell’Equity gli investitori finanziano raccolte di capitale di società private, ottenendo in cambio quote societarie e acquisendo la proprietà di una parte della società che realizza il progetto immobiliare.
 
Vuoi saperne di più sulla nostra piattaforma di crowdfunding? Scopri come funziona e iscriviti per diventare parte della community e finanziare le nostre operazioni immobiliari. Puoi cominciare anche con un prestito di soli 500 euro!

Tag

statistiche crowdfunding italia

rischio investimento

rendimento investimento

proptech

proptech

proptech

propensione al rischio

prestito

prestatore

portafoglio finanziario

piattaforme di crowdfunding

pianificazione finanziaria

orizzonte temporale investimenti

origini del crowdfunding

opportunità immobiliare

opportunità immobiliare

operatori immobiliari

obiettivi di investimento

nuovo regolamento europeo crowdfunding 2020

normativa lending crowdfunding

normativa equity crowdfunding

normativa crowdfunding

nascita del crowdfunding

microcredito

lending crowdfunding

lancio campagna crowdfunding

l'emotività negli investimenti

l'emotività negli investimenti

investire piccole somme di denaro

investire piccole somme di denaro

investire nell'immobiliare nel post covid-19

investire da giovani

investire da giovani

investimenti immobiliari

investimenti

investimenti

investimenti

investimenti

investimenti

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

inflazione

illusione del controllo

gestione risparmi

fintech in italia

fintech in italia

fintech in italia

fintech

fintech

fintech

finanziatori

finanziamento

finanze personali

finanze personali

finanza comportamentale

finanza alternativa

errori negli investimenti

equity crowdfunding

educazione finanziaria

educazione finanziaria

diversificazione portafoglio

debiti cattivi

debiti cattivi

debiti buoni

debiti buoni

crowdfunding immobiliare

crowdfunding etico

crowdfunding

conto corrente

asset allocation

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

affidabilità piattaforme di crowdfunding


Guadagna con le case aiutando

ISCRIVITI ADESSO E PARTECIPA NELLE NUOVE OPPORTUNITA' IMMOBILIARI

entra nella community
Hai domande?