Hai domande o hai bisogno d'aiuto? 800.837.777 info@rendimentoetico.it
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
Crowdfunding immobiliare, guadagnare con le case
notifiche
Differenze tra Lending ed Equity Crowdfunding

Le differenze tra Lending Crowdfunding ed Equity Crowdfunding

Come funzionano e quali sono i rispettivi riferimenti normativi

Anche se rientrano entrambe nella stessa categoria di finanza alternativa, i modelli di Lending ed Equity Crowdfunding presentano obiettivi e scopi totalmente differenti tra loro: la differenza primaria e più evidente risiede nel tipo di rapporto che viene ad instaurarsi tra investitore e azienda. 
Cerchiamo di capirci qualcosa in più. 

In sostanza, mentre nel caso del Lending, che segue la logica del prestito, il rapporto che si delinea è quello tipico tra debitore e creditore, nel caso dell’Equity il rapporto tra le due parti si fa più inclusivo e interdipendente, permettendo al “creditore” di ottenere quote societarie e di diventare a tutti gli effetti un socio della nuova realtà su cui si è deciso di investire. 

Tuttavia, dopo aver evidenziato la prima e sostanziale differenza tra le due tipologie di crowdfunding, analizziamole nel dettaglio per capirne meglio il loro funzionamento. 
 

Come funziona il Lending 

Il Lending Crowdfunding, anche conosciuto come P2P lending (peer-to-peer), permette all’investitore di mettere a disposizione i suoi fondi per sostenere progetti di varia natura imprenditoriale, ottenendo in cambio tassi di interesse superiori rispetto a quelli comunemente proposti.  

Questa tipologia di crowdfunding possiede numerosi vantaggi sia per i richiedenti che per i prestatori.

Per i primi il vantaggio consiste nell’ottenere in tempi rapidi l’approvazione della richiesta di finanziamento e quindi, successivamente, l’ottenimento dei fondi raccolti. Per i secondi, il credito investito darà diritto, oltre che alla remunerazione del capitale investito, a tassi di interesse superiori rispetto a quelli concessi dai tradizionali canali di finanziamento, pur avendo investito somme relativamente contenute. 

Inoltre, è bene precisare che per i richiedenti sussistono anche altri tipi di benefici: 
- l’accesso al credito si fa rapido e trasparente; 
- zero garanzie personali richieste;
- maggiore flessibilità e abbattimento dei processi e costi burocratici. 
 

Come funzionano le piattaforme di Lending

Nel concreto il richiedente richiede un finanziamento su apposite piattaforme. La richiesta di progetto verrà vagliata sotto il profilo creditizio e, una volta confermato, avrà dunque diritto a ricevere il finanziamento richiesto. Successivamente, dopo averlo ottenuto, il richiedente si impegnerà nel rimborsare i capitali a tutti prestatori che hanno partecipato.

Invece, il prestatore dovrà iscriversi alla piattaforma e compilare un modulo di registrazione con i dati richiesti. In seguito, una volta che il progetto sarà stato completamente finanziato, il prestatore riceverà il rimborso della quota prestata insieme agli interessi maturati (a cui si applica l’aliquota del 26%) nel tempo stabilito. 
 

Riferimenti normativi del Lending

A livello normativo il Lending crowdfunding è disciplinato dalla Banca D’Italia attraverso il “Provvedimento per la raccolta del risparmio dei soggetti diversi dalle banche” dove il lending crowdfunding, definito social lending, è descritto attraverso la seguente definizione: 

«uno strumento attraverso il quale una pluralità di soggetti può richiedere a una pluralità di potenziali finanziatori, tramite piattaforme on-line, fondi rimborsabili per uso personale o per finanziare un progetto». 

Mentre per quanto riguarda l’autorizzazione ad operare delle diverse piattaforme online il TUB indica espressamente «possono operare se sono istituto di pagamento, intermediario finanziario o istituto di credito.»


 

Come funziona l’Equity 

L’Equity Crowdfunding, denominato anche crowdfunding azionario, consiste in una modalità di finanziamento attraverso cui la folla può finanziare la raccolta di capitale da parte di società private ottenendo in cambio quote societarie. 

Nella fattispecie, l’investimento attraverso la modalità dell’Equity richiede di puntare su imprese lungimiranti, in termini di crescita e sviluppo, capaci con il tempo di affermarsi efficacemente sul mercato. Tale considerazione, anche se non di facile previsione, risulta essere di notevole importanza. Infatti, nel caso in cui l’impresa abbia successo le quote societarie acquisite assumeranno un valore più alto, generando un profitto, mentre, in caso contrario, il rischio è quello di perdere tutto o comunque una parte di ciò che si è investito. 
 

Come funzionano le piattaforme di Equity 

Anche per l’Equity il funzionamento è pressoché lo stesso. 

Il proponente iscrive il suo progetto su piattaforme dedicate, descrivendo nel dettaglio la natura dello stesso e l’obiettivo monetario prefissato, che verrà diviso in quote a prezzo fisso, destinate agli investitori. Pertanto il progetto che raggiungerà la quota minima prevista sarà realizzato e gli investitori che hanno partecipato otterranno la partecipazione al capitale sociale. Viceversa, la quota investita verrà restituita ai legittimi finanziatori, senza nessuna perdita.  
 

Riferimenti normativi dell’Equity

L’Italia è stato il primo Paese in Europa a regolamentare la raccolta di fondi per l’Equity. 

In principio la normativa italiana prevedeva che l’Equity fosse unicamente destinato alle startup, mentre con il tempo, è nata l’esigenza di estendere questa modalità di finanziamento alle categorie delle PMI innovative e in generale a tutte le piccole e medie imprese

Successivamente, nel 2013, vengono redatti 25 articoli contenuti nella “Raccolta di capitali a rischio da parte di imprese e start-up innovative tramite portali online” , contenente le norme emesse dalla Consob per disciplinare l’intero settore.
 

Perché scegliere il Lending per l’immobiliare e l’equity per le PMI innovative

Come detto in precedenza, l’investitore può decidere di investire il suo denaro e supportare diversi progetti sia facendo ricorso al Lending sia ricorrendo all’Equity crowdfunding. 

A tal proposito però occorre fare una precisazione in merito alle differenze di guadagno ottenuto dal ricorso a queste due differenti tipologie di crowdfunding.

Il Lending è molto più indicato per sostenere operazioni immobiliari, poiché il guadagno dell’investitore è prevedibile, fisso e comporta meno rischi derivanti dal diventare socio di una realtà, essendo espresso dai tassi di interesse maturati in un certo periodo di tempo. 

Mentre l’Equity risulta molto più funzionale a sostenere PMI innovative o startup, poiché attraverso di esso si diventa soci di realtà produttive caratterizzate da un tasso di produttività esponenziale, rendendo i margini di guadagno suscettibili di variazione sulla base dell’andamento futuro dell’impresa. 
 

Conclusioni

Il punto di forza che accomuna questi due modelli di crowdfunding è sicuramente la possibilità data a molti investitori di accedere al progetto anche con piccole somme di denaro. Quindi, di conseguenza, sommando i tanti piccoli contributi della folla, si potranno raggiungere cifre elevate in grado di impattare positivamente sul mercato. 
 
Vuoi saperne di più sulla nostra piattaforma di crowdfunding? Scopri come funziona e iscriviti per diventare parte della community e finanziare le nostre operazioni immobiliari. Puoi cominciare anche con un prestito di soli 500 euro!

Tag

statistiche crowdfunding italia

rischio investimento

rendimento investimento

proptech

proptech

proptech

propensione al rischio

prestito

prestatore

portafoglio finanziario

piattaforme di crowdfunding

pianificazione finanziaria

orizzonte temporale investimenti

origini del crowdfunding

opportunità immobiliare

opportunità immobiliare

operatori immobiliari

obiettivi di investimento

nuovo regolamento europeo crowdfunding 2020

normativa lending crowdfunding

normativa equity crowdfunding

normativa crowdfunding

nascita del crowdfunding

microcredito

lending crowdfunding

lancio campagna crowdfunding

l'emotività negli investimenti

l'emotività negli investimenti

investire piccole somme di denaro

investire piccole somme di denaro

investire nell'immobiliare nel post covid-19

investire da giovani

investire da giovani

investimenti immobiliari

investimenti

investimenti

investimenti

investimenti

investimenti

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

iniziare ad investire

inflazione

illusione del controllo

gestione risparmi

fintech in italia

fintech in italia

fintech in italia

fintech

fintech

fintech

finanziatori

finanziamento

finanze personali

finanze personali

finanza comportamentale

finanza alternativa

errori negli investimenti

equity crowdfunding

educazione finanziaria

educazione finanziaria

diversificazione portafoglio

debiti cattivi

debiti cattivi

debiti buoni

debiti buoni

crowdfunding immobiliare

crowdfunding etico

crowdfunding

conto corrente

asset allocation

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

alfabetizzazione finanziaria

affidabilità piattaforme di crowdfunding


Guadagna con le case aiutando

ISCRIVITI ADESSO E PARTECIPA NELLE NUOVE OPPORTUNITA' IMMOBILIARI

entra nella community
Hai domande?